Una politica che salvaguardi i valori della vita

Image

Il dibattito politico, che precede lo svolgimento delle elezioni del febbraio 2013 vedrà scendere in campo partiti con le loro piattaforme e candidati con programmi variamente articolati. Il pericolo, che l’elettore vede in questi tempi  di sacrifici economici, di perdita del lavoro, di tagli ai posti una volta attivi, di aumento delle forme di povertà ( provvedimenti presi per rimpinguare le casse statali impoverite dal abnorme debito pubblici) è quello  di un populismo propagandistico esasperato, incentrato soltanto alla diminuzione del gettito fiscale e all’eliminazione di tasse e balzelli popolari, prima attivati ora in ipotesi di eliminazione, al fine di acquisire uditorio, voti e preferenze.  Ora la politica, che sogniamo, non è soltanto quella di ricevere un “contentino popolare” per non esasperare oltre e rischiare una ribellione come ai tempi del Settecento/Ottocento ma è quella  che rende chiare le posizioni  dei candidati e dei partiti riguardo alla “quaestio moralis”, che forse  più delle tasche degli italiani cerca di colpire scardinare  l’anima di un popolo i suoi valori e le sue speranze. Mi riferisco alla famiglia tradizionale, da più parti colpita ed avvelenata da prototipi e surrogati, amplificati da trasmissioni televisive o filmo grafiche, che nulla hanno di cristiano, di caritatevole e di “amor del prossimo”. Luogo dei rapporti d’amore ad imitazione dell’Amore Trinitario, la famiglia rimane  solo quella benedetta da Dio, perché locus d’amore reciproco fra i coniugi ed i figli e finalizzato alla procreazione. Surrogati omosessuali non ci appartengono, fermo restando il rispetto della libertà e dei diritti  altrui anche di questi fratelli, lungi però da un esasperante inquinamento dei “desideri “ umani e dalla perdita di significato del concetto di diritto. Altro il diritto, altro il desiderio contro natura. Matrimonio ed adozione alle coppie gay non hanno nulla  a che vedere con la giusta  lotta contro ogni forma di omofobia e di discriminazione umana. Nei programmi politici, quindi, vorremmo leggere anche le posizione chiare  riguardo ai temi bioetici( aborto, eutanasia, pratiche contro l’uomo). Ci  auguriamo che possa trionfare  una politica non dell’egoismo personalistico ed individuale ma  della cultura della vita, che guarda Dio, lo loda  e che ci porta a magnificare l’anima contemporanea.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: