Quando la scuola si apre al territorio con la musica

L’istituto Comprensivo Emanuele Ventimiglia, diretto dal Dirigente Scolastico prof. Matteo Croce, si è sempre distinto per la sua vocazione musicale tanto che negli anni si sono perfezionate strategie, volte alla formazione di un’Orchestra di alunni, diretta magistralmente dal prof. Antonio Cappello, coadiuvato dagli insegnanti  Enrico Gatto, Daniele, Cappello, Giuseppe Garsia e Nuccio D’agostino,  di cori ed Ensemble di flauti, organizzati  dal prof. Gioacchino La Rosa e da Ensemble di strumenti a fiato e percussioni, diretti dal prof. Salvatore Bottino, di performance artistico -musicali e teatrali di vario genere. Una scuola che fa acquisire competenze e conoscenze disciplinari ma che diventa un laboratorio di sperimentazione della convivenza civile. Ma in quest’anno scolastico 2017-2018 nel giorno del 7 giugno una sperimentazione eccezionale, fatta dall’insegnante Gisella Mesi con le classi sez P, Q della scuola primaria merita un plauso  particolare perché porterà sulla scena musicale non solo gli alunni talentuosi ma i genitori, in particolare un nutrito numero di mamme che si sono prodigate in tutto l’anno scolastico a studiare e ad interpretare canzoni e nel riproporre “cavalli di battaglia” di artisti italiani e non, sperando di allietare con le loro voci un pomeriggio al fine di creare uno scenario di raffinato gusto musicale. Le esibizioni, alternate tra alunni e mamme, porteranno ad un eccezionale successo che riempirà l’auditorium dell’istituto come apoteosi relazionale alunni-genitori per un prodotto artistico comune di fine anno scolastico. Già nelle prove si sono distinte voci bellissime nell’Adagio di Albinoni o nella Ipocrisia di Angela Luce, nel Blu dipinto di Blu di Modugno o nell’Occidentali’s Karma che non hanno nulla da invidiare alle artiste e agli artisti sulla scena della canzone internazionale. Tutto ciò evidenzia come la corresponsabilità educativa fra le parti scolastiche e familiari possa essere un esempio di legalità, di progresso e di entusiasmo utili alla crescita condivisa dei giovani alunni dell’Istituto. La musica diventa momento di formazione civile, didattica e permette di interiorizzare valori come la condivisione, la gioia comune, l’amicizia, la corresponsabilità educativa, l’educazione alle emozioni con una strategia sempre vincente: la collaborazione scuola-famiglia, che è una carta vincente della scuola del nostro secolo.

Digressione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: